Archivio

Post Taggati ‘Impero britannico’

N. 78 The Commonwealth di 2 miliardi di persone

23 Settembre 2014 Commenti chiusi

Common e wealth letteralmente significa bene comune, in latino si direbbe res publica, cosa pubblica.

C’è chi traduce, invece, benessere comune. Di fatto è una comunità di 2 miliardi di persone (in India sono 1 miliardo) delle ex colonie dell’Impero britannico.

Nel XVI secolo c.w. indicò la comunità dei cittadini, nel XVII secolo lo Stato britannico. Dal 1840 c.w. venne usato nel significato attuale di unione delle ex colonie dell’Impero britannico.

Il commonwealth britannico nacque nel 1926 per unire vari Stati di 5 diversi continenti (America, Oceania, Africa, Asia, Europa) dell’Impero inglese, nel settore economico e culturale.

Nel 1949 mutò l’organizzazione: da allora divenne Commonwealth delle Nazioni.

All’interno di essa vi sono 54 Stati che si possono dividere in 2 gruppi :

Il primo gruppo comprende 16 Paesi che riconoscono la regina Elisabetta II come loro sovrana e Capo di Stato, tra questi 10 in America: Antigua e Barbuda, Bahamas, Barbados, Belize, Canada, Giamaica, Grenada, Saint Kitts e Nevis, Saint Vincent e Grenadine; Australia, Isole Salomone, Papua e Nuova Guinea, Nuova Zelanda, Tuvalu, 5 in Oceania. Infine il Regno Unito, in Europa.

Ognuno di questi Stati ha una propria politica estera, interna, economica. La regina Elisabetta II ha un ruolo simbolico, in quanto, a livello esecutivo, Kamalesh Sharma, indiano, dal 2008 è segretario generale.

Il secondo gruppo comprende i restanti 38 Paesi, dotati di un proprio Capo di Stato. Tra questi anche altre 6 monarchie, oltre a quella britannica.