Archivio

Post Taggati ‘53 zone umide’

N.87 La natura italiana: laghi, stagni, oasi, paludi da salvare

3 Febbraio 2015 Commenti chiusi

Queste 29 zone umide, tra cui forse alcune poco conosciute, del nostro Paese

Bacino dell’Angitola, Lago dei Monaci, Lago di Barrea, Lago di Caprolace, Lago di Fogliano, Lago di Nazzano, Lago di Sabaudia, Lago di Tovel , Lagustelli di Percile, Oasi di Castelvolturno o Variconi, Ortazzo e Ortazzino, Palude di Colfiorito, Pialassa della Baiona e Risega, Punta Alberete, Stagno di Cabras, Stagno di Cagliari, Stagno di Corru S’Ittiri, Stagni di San Giovanni e Marceddì, Stagno di Mistras, Stagno di Molentargius, Stagno di Pauli Maiori, Stagno di S’Ena Arrubia, Stagno di Sale Porcus, Valle Averto, Valle Bertuzzi , Valle Campotto e Bassarone, Valle di Gorino, Valle Santa, Valli residue di Comacchio.

hanno un carattere che le accomuna, assieme ad altre 24 località, tra cui 3 oasi WWF, di 15 regioni italiane. Volete provare ad indovinarlo?

Legambiente vuol far conoscere questi luoghi straordinari. Il 2 febbraio era la Giornata Mondiale delle zone umide, per celebrare luoghi fondamentali per la conservazione della biodiversità terrestre,  tra gli ecosistemi più a rischio. Nell’ultimo secolo, oltre il 64% delle zone umide sono scomparse.