Archivio

Archivio per la categoria ‘Religione’

N.111 Il convento di Marienberg

16 Dicembre 2016 Commenti chiusi

Il convento di Marienberg, chiamato anche Montemaria, è ubicato a  Malles, sopra Burgusio, in Val Venosta, a 1340 m. La costruzione, simile ad una fortezza, fu fondata nel XII  secolo dai nobili di Tarasp. Prima di diventare un convento ospitava un liceo umanistico con Ginnasio, fondato nel 1724 dai monaci di Merano e mantenuto fino al 1928.Oggi i monaci si dedicano all’organizzazione di workshop, a corsi di meditazione.

Dal 2007 è stato creato un museo,  con documenti storici e tesori artistici che illustrano la vita quotidiana del monastero secondo la regola di San Benedetto. Nella cripta: il ciclo di affreschi romanici, con le famose raffigurazioni angeliche, risalenti al 1175 e 1180, è uno straordinario esempio di arte romanica altoatesina.

N.1 Un alfabeto sconosciuto di una badessa tedesca nel XII secolo

20 Ottobre 2012 3 commenti

Tra il secolo XI e il XII visse Ildegarda da Bingen  (1098-1179) monaca benedettina, contemporanea di San Bernardo  di Chiaravalle e di Abelardo, delle crociate e dei Comuni.

Il suo nome significa “protettrice delle battaglie”.

Nata nel 1098, Ildegarda  fu la decima figlia di Ildelberto di Bermersheim  . Ebbe un’intelligenza acuta, una salute instabile, frequenti visioni divine fin dalla tenera età, che rese note, su consiglio di S.Bernardo di Chiaravalle, nei suoi scritti, quando, dopo anni come monaca di clausura, divenne badessa del monastero di Disibodenberg, vicino a Magonza.
Fondò nella sua lunga vita un convento sul Rupertsberg, vicino alla città di Bingen, un altro ad Eibingen, ebbe buoni rapporti con l’imperatore Federico Barbarossa fin a quando questi non si schierò contro il Papa Alessandro III, fece viaggi di predicazione nelle principali città dell’Europa centrale.

Ebbe intuizioni scientifiche nel campo della medicina e dell’erboristeria, elaborò terapie che preannunciarono quelle della medicina olistica, sostenendo che la malattia era spesso dovuta a disarmonie psico-fisiche dell’essere umano rispetto al mondo esterno.

I suoi “rimedi” si basarono sulla teoria dei temperamenti, sul caldo e sul freddo, sull’umido e sul secco, su un bilanciamento rispetto ad una carenza o ad un eccesso di sostanza.

Sotto l’aspetto grammaticale, la lingua ignota, costituita da 23 lettere da lei create, venne probabilmente usata per fini mistici, ideata, forse, adattando un nuovo vocabolario alla grammatica latina preesistente .

Fu poi proclamata santa e, ad ottobre 2012, Dottore della Chiesa per il suo alto magistero e la sua autorità intellettuale.

Prosegui la lettura…