Home > Geografia, Linguistica, Storia della formazione della lingua, Viaggi > N.46 Il ladino e le Dolomiti, patrimonio dell’UNESCO

N.46 Il ladino e le Dolomiti, patrimonio dell’UNESCO

La lingua ladina, ancor oggi parlata  in Trentino- Alto Adige, nelle valli della Ladinia dolomitica (val di Fassa, val Gardena, val Badia, Marebbe, Livinallongo, Cortina d’Ampezzo ), è una lingua romanza (v.post n.2) derivata da una trasformazione della lingua latina dei militari e mercanti romani, che unirono all’Impero Romano la Rezia, il Tirolo d’oggi (nel 15 a.C. Tiberio e Druso, figliastri di Augusto, si spingeranno fino al lago di Costanza e al Brennero).

Nel 550 d.C., dopo il crollo dell’Impero Romano, con l’arrivo dei Bavari, prevarrà la lingua germanica su quella derivata dalla colonizzazione romana, ma la lingua retoromanica ladina resisterà come minoranza linguistica delle Dolomiti fino ai nostri giorni.

Il ladino conserva tracce del lessico prelatino, dei dialetti tirolesi e alto italiani. Il ladino dolomitico (o ladino centrale) è la parte centrale di un sistema linguistico più vasto che comprende la zona del Canton Grigioni (Svizzera) ove si parla il romancio (o ladino occidentale) e la regione Friuli, con il friulano (o ladino orientale).

A Vigo di Fassa ha sede l’Istituto Culturale Ladino, dotato di una ricca biblioteca che tutela la cultura e  le tradizioni della valle.I Ladini sono il terzo gruppo linguistico della regione Trentino-Alto Adige, accanto al gruppo tedesco ed a quello italiano.

L’Italia è entrata a far parte dellUNESCO, nata nel 1945, nel 1948 e ha il maggior numero di beni inseriti nella Lista dei Patrimoni dell’Umanità, 49 siti tra culturali e naturali. 195 Stati fanno parte di quest’Agenzia dell’ONU.

Nel giugno 2009, 9 zone delle Dolomiti sono diventate patrimonio mondiale dell’Unesco: 1.Pelmo e Croda da lago, nella provincia di Belluno; 2.La Marmolada, tra la val di Fassa (TN) e la valle del Cordevole (BL); 3.LePale di S.Martino e le Dolomiti bellunesi; 4.Le Dolomiti friulane e d’oltre Piave; 5.le Dolomiti settentrionali tra BL e BZ; 6.In Alto Adige, Puez- Odle; 7. Lo Sciliar- Catinaccio, Latemar, tra BZ e TN; 8.Il Rio delle Foglie, a sud di BZ; 9.Le Dolomiti del Brenta. 

Le foto sono tratte dal sito www.dolomitiunesco.it.

Fonti: Beatrice Calamari “Fiemme e Fassa” Publinord (TN); Aldo Gorfer “Le valli del Trentino” , 1975, Manfrini Arti Grafiche Vallagarina ; www.istladin.net  ; www.dolomitiunesco.it ; http://www.unesco.it/cni/index.php/archivio-news/62-nuovi-stiti-nel-patrimonio-unesco

  1. 16 Dicembre 2013 a 8:59 | #1

    I know this website offers quality based articles and
    other data, is there any other web page which provides
    these kinds of things in quality?

  2. 13 Dicembre 2013 a 11:48 | #2

    I’m not that much of a internet reader to be honest
    but your sites really nice, keep it up! I’ll go ahead and bookmark your site to come back down the road.

    Many thanks

E' necessario che tu sia collegato per poter inserire un commento.